18ENNE MUORE DURANTE LO SVOLGIMENTO DEL PCTO: LE PAROLE DI BIANCHI

LA TRAGEDIA DEL 21 GENNAIO NELL’UDINESE


“Tutto il Bearzi sta vivendo con immenso dolore questa tragedia. Lorenzo frequentava il quarto anno nel settore della meccanica industriale, nel percorso duale del nostro Centro di Formazione Professionale del Bearzi ed era da poco diventato maggiorenne" queste sono le parole del Direttore dell’Istituto Salesiano Don Lorenzo Teston.


Il giovano Lorenzo di soli 18 anni, durante il pomeriggio del 21 gennaio, ha perso la vita a causa di un incidente sul lavoro durante il regolare svolgimento dell’attività di PCTO.

LEGGI L’ARTICOLO


"Dalle visite effettuate dal tutor per lo stage aziendale Lorenzo dimostrava di apprezzare l’esperienza, tanto da sognare un futuro in quell’ambito lavorativo", aggiunge il direttore dell’Istituto.

"In questo momento di grande costernazione e dolore vogliamo ricordare Lorenzo attraverso la sua passione per il lavoro e il suo percorso di formazione, la sua gioia di vivere e il desiderio di costruire il suo futuro lavorativo e professionale nel settore meccanico. Vogliamo pregare e affidare a San Giovanni Bosco Lorenzo e la sua famiglia in questa tragica circostanza", conclude lo stesso.


Il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra parla di “un fatto di una gravità inaudita, indegno per un paese civile. Lo stage in un’azienda dovrebbe garantire il futuro ad un giovane, non condurlo alla morte".

Non tarda ad arrivare anche il messaggio della segretaria confederale della Cgil Rossana Dettori: "Esprimiamo profondo dolore per quanto accaduto a Lauzacco. È ora di dire basta. Le parole non sono più sufficienti, occorre che ognuno, a partire dal Ministero dell’Istruzione, si assuma le proprie responsabilità e faccia scelte conseguenti”.


"La morte di un ragazzo di 18 anni durante una esperienza di stage provoca profondo dolore. Incidenti come questo sono inaccettabili, come inaccettabile è ogni morte sul lavoro. Il tirocinio deve essere una esperienza di vita. Esprimo il mio più profondo cordoglio e la vicinanza alla famiglia. Dobbiamo mettere tutto il nostro impegno, come istituzioni, a lavorare con più forza perché episodi come questo non si ripetano più" dichiara il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

"È incomprensibile come ancora oggi si possano verificare episodi di questa gravità. In questo momento però, l'incommensurabile dolore sofferto dalla famiglia impone a tutti un rispettoso silenzio, in attesa che le autorità competenti ricostruiscano l'esatta dinamica di quanto accaduto" dichiara il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga e l’assessore regionale al Lavoro Alessia Rosolen.


Gli incidenti sul lavoro sono sempre una tragedia, questa volta però, ci ha lasciato un giovanissimo studente, che stava solo svolgendo le sue regolari attività didattiche. Nella speranza che incidenti di questo tipo non si ripetano più, siamo vicini alla famiglia del giovane Lorenzo.



di VALENTINA ZIN


0 visualizzazioni0 commenti