top of page

AL VIA DUE PROGETTI NELLE SCUOLE LAZIALI PER LA SALUTE DEGLI STUDENTI

I due progetti promossi nelle scuole laziali sono: “Scuole che promuovono la salute” e “Pa.Di.”


La Regione Lazio promuove due progetti molto importanti a supporto delle scuole: il primo legato alla salute e al benessere degli studenti, ovvero il progetto “Scuole che promuovono la salute”, il secondo per creare le competenze necessarie per combattere il fenomeno del bullismo e cyberbullismo.


Il progetto “Scuole che promuovono la salute”

SPS (“Scuole che Promuovono Salute”) è un modello promosso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, riconosciuto a livello europeo e nazionale.

Dal prossimo anno scolastico tutte le scuole del Lazio avranno la possibilità di aderire alla “Rete Lazio SPS” e implementare, quindi il modello SPS che si avvale del supporto tecnico-scientifico dei professionisti delle ASL di riferimento della scuola.

Le scuole che aderiscono al progetto devono realizzare un “piano strutturato e sistemico” il cui obiettivo deve essere quello di migliorare e proteggere la salute e il benessere della comunità scolastica. Secondo il modello SPS, per promuovere la salute a scuola sono necessarie anche delle azioni per intervenire anche sul clima, sulle relazioni, sul contesto fisico e sociale in cui la scuola stessa opera.


Le azioni suggerite dal metodo SPS sono:

  1. migliorare l’ambiente sociale e promuovere clima e relazioni positive

  2. migliorare l’ambiente fisico e organizzativo

  3. rafforzare la collaborazione comunitaria

  4. rafforzare la collaborazione con i servizi sanitari

  5. definire politiche scolastiche e documenti programmatici per la promozione della salute


PATENTINO DIGITALE

Il secondo progetto è l’istituzione del Patentino Digitale per le scuole secondarie di primo grado, il cui obiettivo è quello di creare un percorso di informazione e formazione per gli studenti della scuola secondaria di I° grado, per fornire gli strumenti necessari per l’utilizzo consapevole e responsabile dei dispositivi digitali. In questo modo i ragazzi potranno conoscere le opportunità e i rischi della rete e dei social, potendo così prevenire i fenomeni di cyberbullismo, che purtroppo nonostante i diversi progetti attivati sono ancora in crescita.

di ISABELLA CASTAGNA



7 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page