BIANCHI: ENTRO FINE MESE I PRIMI BANDI DEL PNRR DA OLTRE 5 MILIARDI DI EURO


Entro fine mese previsto lo stanziamento di altre risorse per la scuola. I 5 miliardi di euro di risorse del PNRR, oltre alla ripresa dell’economia, serviranno anche per la ripresa delle istituzioni, e quindi anche della scuola.


Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, durante un suo intervento all’Assemblea nazionale dell’Anci, l’Associazione dei Comuni italiani, alla Fiera di Parma. : “È importante che in questo momento di ripresa sia fatta chiarezza sul ruolo dei territori”.ha continuato Bianchi rivolgendosi ai sindaci - occorre rendere stabile l’ammontare non delle spese, ma degli investimenti nell’istruzione, a tutti i livelli, da 0 a 20 anni, dagli asili nido agli istituti professionali. Nel Pnrr – ricorda – sono destinati alla scuola 18,5 miliardi di euro, di cui 13 per rifare le infrastrutture fisiche e il resto per aggiornare la struttura didattica e per recuperare il gap della dispersione scolastica fra Nord e Sud che è inaccettabile: la scuola deve essere anticipatrice della società”.


Inoltre, il ministro, a proposito dei fondi ha precisato che: “a fine novembre lanceremo i bandi per 5 miliardi di euro, che analizzeremo a marzo: 3 mld andranno per asili nido e scuole d’infanzia perché lì iniziano le discriminazioni e le diseguaglianze, lì si aiuta a formarsi una famiglia, a far lavorare le donne, ad avere figli”.


Una parte di finanziamenti, 400 milioni di euro saranno destinati alle mense scolastiche, e poi 300 milioni alle palestre e 800 milioni all’innovazione, mentre il resto dei fondi saranno utilizzati per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, con accordi con Cdp e Agenzia per la coesione.


“Nel Pnrr occorre mettere anche il cuore - ha concluso il ministro Bianchi - altrimenti si riduce tutto a un fattore economico. La scuola, assieme alla salute e al clima, va messa al centro delle priorità del nostro Paese”.

di CLAUDIO CASTAGNA

0 visualizzazioni0 commenti