top of page

CONCORSO ISPETTORI TECNICI: SI SVOLGERÀ ENTRO IL 2023?

Con il decreto 44, pubblicato sulla GU il 23 aprile 2023, sono state introdotte alcune modifiche in merito al concorso per ispettore tecnico nel settore istruzione


Molto probabilmente il concorso per ispettori tecnici che si sarebbe dovuto fare entro il 2021 si svolgerà entro il 2023.

Con il decreto 44 pubblicato sulla gazzetta ufficiale il 23 aprile 2023 (da convertire in legge entro il 20 giugno 2023) sono state introdotte alcune modifiche relativamente al concorso per ispettore tecnico nel settore istruzione.

Con l’art. 5 del decreto 44 si prevede l’ emanazione di un decreto ministeriale per definire le modalità di pubblicazione del bando, le prove e i programmi concorsuali e i titoli valutabili , la valutazione delle preselezione, delle prove e dei titoli, le modalità di versamento da parte dei candidati.

CHI PUÒ PARTECIPARE AL CONCORSO

Possono partecipare i dirigenti scolastici delle istituzioni scolastiche ed educative statali e il personale docente e educativo delle istituzioni scolastiche e educative statali che abbia superato il periodo di prova e che abbia maturato un’anzianità complessiva di almeno dieci anni nel profilo di appartenenza in possesso di uno dei seguenti titoli:

• Laurea magistrale, • Laurea specialistica, • diploma di laurea conseguito secondo gli ordinamenti didattici previgenti al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 2 del 4 gennaio 2000, • Diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, • Diploma accademico di vecchio ordinamento congiunto con diploma d’istituto secondario superiore.


Le commissioni sono composte da:

  • Tre membri scelti tra le seguenti categorie:

  • Dirigenti appartenenti ai ruoli del Ministero dell’istruzione e del merito che ricoprano o abbiano ricoperto un incarico di funzioni dirigenziali generali

  • Professori di prima e di seconda fascia di università’ statali e non statali,

  • Magistrati amministrativi,magistrati ordinari, magistrati contabili,

  • avvocati dello Stato

  • Prefetti;

  • Due membri scelti fra i dirigenti non generali del comparto funzioni centrali appartenenti ai ruoli del Ministero dell’istruzione e del merito;

I suddetti membri possono essere scelti anche fra i soggetti in quiescenza da non più di quattro anni alla data di pubblicazione del bando di concorso.

VALUTAZIONE PROVE E TITOLI

Le commissioni esaminatrici dispongono di 210 punti, di cui:

  • massimo 70 punti da attribuire a ciascuna delle prove scritte;

  • massimo 60 punti da attribuire alla prova orale;

  • massimo 10 punti da attribuire alla valutazione dei titoli.

di ISABELLA CASTAGNA

1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page