Covid: come gestire casi positivi in classe


Il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro haaffermato durante la conferenza stampa riguardanti i dati epidemiologici da coronavirus della Cabina di regia chenella prossima settimana saranno a disposizione delle indicazioni per favorire agli operatori scolastici, operatori di sanità pubblica delle aziende sanitarie e per le famiglie a trovare una stabilità e per permettere la didattica in presenza in sicurezza. Continuando, il presidente ha aggiunto che sulla scuola esiste un gruppo che coinvolge anche l’Istituto superiore di sanità, ma non solo, il ministero dell’Istruzione e le Regioni e ad oggi esiste una considerazione tale su come gestire in modo esemplare la presenza di un eventuale caso di positività da covid all’interno di un istituto scolastico e maggiormente all’interno delle classi garantendo la massima sicurezza e si può immaginare dato il contatto avvenuto specifico e tante volte anche per via gestionale dei tamponi che riescono a specificare il contatto e per permettere la didattica in presenza. Conclude la conferenza stampa dicendo che questa fase di discussione sta portando alla fattibilità di alcune scelte organizzative in quanto l’aspetto di principio è molto importante dichiararle operativamente nell’ambito scolastico e territoriale. Alcuni giorni fa, il Ministro Bianchi aveva riportato il tema: “è già stato convocato ed è già operativo un tavolo tecnico composto dall’Istituto Superiore di Sanità, dal Ministero della Salute, dal Ministero dell’Istruzione, dalla Struttura Commissariale e dai rappresentanti di tutte le Regioni per la predisposizione di un protocollo condiviso volto a disciplinare in modo omogeneo sul territorio nazionale la gestione dei contatti di casi COVID-19 e le misure di quarantena in ambito scolastico così da raggiungere quanto Lei auspicava, una comune regolamentazione su tutto il territorio nazionale”.

0 visualizzazioni0 commenti