COVID EUROPA: LOCKDOWN E GIRO DI VITE AI NON VACCINATI


La quarta ondata di contagi covid, sta travolgendo l’Europa che cerca di combattere il virus programmando nuove regole, e restrizioni per chi non è vaccinato. Sono sempre più gli Stati, come la Grecia, la Slovacchia, Austria e Germania intendono tornare al lockdown o imponendo l’ uso del green pass per limitare ricoveri e decessi.



Proprio ieri, la Germania ha approvato nuove norme che prevedono restrizioni in base al numero dei ricoveri, al fine di contrastare la quarta ondata. La cancelliera Merkel sottolinea che: “La situazione è molto grave, è tempo di agire“.

Se si registrano 3 ricoveri ogni 100 mila abitanti, potranno accedere a bar, ristoranti e luoghi di svago solo coloro che sono vaccinati. Per i minorenni non vale la regola del 2G ,

Se vengono registrati 6 ricoveri ogni 100mila abitanti scatta il 2G plus, oltre al vaccino o la guarigione viene richiesto un test negativo. Se i ricoveri arrivano a 9 ogni 100mila abitanti le restrizioni diventano più severe.


Coloro che lavorano in diversi settori, fra cui ospedali e case di riposo, dovranno vaccinarsi, sarà richiesto soprattutto a chi entra in stretto contatto con un numero notevole di persone. Wuest capo della conferenza dei premier dei Land precisa che per facilitare le vaccinazioni di tutti i cittadini, si permetterà a tutti di ricevere una terza dose cinque mesi dopo la seconda..

A tal proposito verranno organizzati team di vaccinazione mobile che affiancheranno i centri vaccinali, gli ospedali e i medici privati. Nelle prossime settimane la vaccinazione sarà autorizzata anche ai bambini, a partire dai 5 anni.


In Austria, da lunedì, è già in vigore un lockdown per chi non è vaccinato. Con il lockdown generalizzato rimarranno aperti soltanto supermercati e farmacie, le lezioni avverranno in remoto, si potrà uscire solo per motivi di lavoro e di salute.

Ieri,si è registrato un numero record di contagi, ovvero 15.145. A livello nazionale si sono registrati 989 casi su 100mila abitanti,per sette giorni. A Salisburgo è a quota 1770, in Alta Austria ha superato i 1600 casi.


In Grecia, il primo ministro Mitsotaski ha annunciato nuove restrizioni per i non vaccinati e ha esortato la popolazione a vaccinarsi. Da Lunedì, i non vaccinati non potranno più accedere ai luoghi pubblici al chiuso. Il green pass, per chi ha più di 60 anni, avrà una validità di sette mesi, per averne uno nuovo bisognerà aver effettuato la terza dose.

Il primo ministro comunica che si è registrato un numero troppo elevato di nuovi casi e di morti, questo dovuto al fatto che la Grecia ha la percentuale più bassa di vaccinati.


Anche in Slovacchia verranno imposte nuove restrizioni ai non vaccinati. Il sistema sanitario è messo a dura prova, pertanto per i non vaccinati è previsto un lockdown.

Anche la Slovacchia è tra i paesi con il più basso tasso di vaccinazione. Solo i vaccinati potranno accedere ai centri commerciali, ristoranti e svolgere attività sportive. Misure che entreranno in vigore da lunedì per tre settimane.

La Slovacchia, in questi giorni, ha registrato numeri record di contagi.

Purtroppo in questi paesi la situazione è critica e potrebbe degenerare sempre di più,

dunque, non resta che agire tempestivamente, per contrastare, quanto più possibile, questa quarta ondata di contagi, che si insinua sempre di più, giorno dopo giorno.

di ISABELLA CASTAGNA

0 visualizzazioni0 commenti