COVID: GESTIONE DI UN CASO DI POSITIVITÀ DA PARTE DEL DS

TUTTE LE INDICAZIONI E I COMPITI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO


Recentemente, nel sito della Camera, è stato pubblicato il Dossier che chiarisce le modalità gestione dei casi Covid nelle scuole.


Come indicato nel Dossier, in presenza di un caso positivo in ambito scolastico, le azioni di sanità pubblica sono di competenza dei Dipartimenti di Prevenzione che sono incaricati della disposizione delle misure sanitarie da intraprendere, come:

  • isolamento dei casi;

  • quarantena dei contatti;

  • tempistiche per il rientro a scuola degli alunni/studenti/operatori scolastici.


“Contatti scolastici", chi sono?

• i bambini/ragazzi appartenenti alla stessa sezione/gruppo/classe del caso positivo;

• il personale scolastico (insegnanti, educatori, operatori) che ha svolto attività in presenza per almeno 4 ore nello stesso ambiente del caso positivo.


Come deve comportarsi il dirigente scolastico?

In un primo luogo, il DS deve informare il Dipartimento di Prevenzione della presenza di un caso di positività al Covid-19 per poi disporre la sospensione di tutte le attività scolastiche in presenza per tutti i “contatti scolastici”. Successivamente trasmette ai “contatti scolastici” le indicazioni predisposte dal DdP ed infine, segnala al DdP i “contatti scolastici” individuati.

Le ultime novità del decreto legge 1/2022, chiariscono che tutti i “contatti scolastici” devono sottoporsi a sorveglianza con testing: se il risultato del test è negativo, è possibile rientrare a scuola, se il risultato è positivo bisogna informare il DdP e i Medici di Medicina Generale (MMG)/Pediatri di Libera Scelta (PLS). Sarà poi compito del Dipartimento di Prevenzione informare il DS.


Tutti i soggetti sottoposti a sorveglianza con testing per “contatti scolastici”, prima di rientrare a scuola devono presentare la seguente documentazione:

  • attestazione dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica in merito all’effettuazione del tampone e il relativo risultato.

La Circolare del Ministero della Salute n. 36254 del 11 agosto 2021 prevede misure differenti in funzione dello stato vaccinale o dell’esito del test diagnostico.



di VALENTINA ZIN



0 visualizzazioni0 commenti