COVID ISRAELE: IL PREMIER BENNETT AVVERTE “LA BUFERA È IN ARRIVO”

La notizia giunge direttamente dal Premier Naftali Bennett, nella consueta seduta settimanale del consiglio dei ministri riferendosi all’aumento dei casi a causa della variante Omicron


Nella consueta seduta settimanale del Consiglio dei Ministri, il Premier Israeliano Naftali Bennett, avverte dell’imminente aumento dei contagi da Coronavirus e coglie l’occasione per parlare degli obiettivi prefissati per il bene comune:


“Il nostro obiettivo – dice – non cambia: consentire il massimo funzionamento possibile dell’economia, e proteggere quanti fra noi sono più deboli”.


Inoltre, Bennett evidenzia che Israele mette in campo un’esperienza maturata simultaneamente ad altri paesi tra cui Stati Uniti e Gran Bretagna.


Visto il veloce aumento dei contagi a causa della variante Omicron e le lunghe code che si sono formate nei centri allestiti per i tamponi, il Ministro della Sanità Nitzan Horowitz, ha dichiarato che sono previsti ulteriori postazioni per far fronte all’emergenza.



Immunità di gregge


Il Direttore Generale del Ministero della Sanità Israeliano Nachman Ash, intervistato dai microfoni di 103Fm Radio, ha parlato della nuova ondata in arrivo e lasciato intendere che a causa delle molte infezioni, si potrebbe raggiungere l’immunità di gregge:


"Il costo sarà di molte infezioni. I numeri dovranno essere molto alti per raggiungere l'immunità di gregge, e questo è possibile". Poi precisa che, "non vogliamo raggiungerla attraverso le infezioni ma vogliamo che accada a seguito della vaccinazione di molte persone".


di CARLO VARALLO


0 visualizzazioni0 commenti