COVID: LEZIONI IN PRESENZA E I RISCHI LEGATI ALLA PANDEMIA


Dall’ inizio della pandemia da Covid, la chiusura totale della scuola ha dato un duro colpo non solo sull'educazione, ma ha colpito fortemente il benessere sociale ed emotivo degli studenti. Un gruppo di ricercatori accompagnati dallo studioso Shamez N. Ladhani e il team di indagine sKIDs in uno studio prospettico pubblicato dall’ American Association For The Advancement Of Science (AAAS), hanno comunicato che la scuola tra i banchi, fa bene ai bambini e supera i rischi legati al Covid-19.


Le chiusure non hanno colpito solo l'educazione

Le chiusure delle scuole durante l’emergenza attuale, hanno diminuito l’accesso ai servizi sociali e assistenziali e ai pasti scolastici. I ricercatori hanno reso noto i diversi studi iniziati dal 2020 che mostrano che il rischio di contrarre il covid a scuola è basso, così come il rischio di casi nelle scuole che portano a focolai nella comunità.

Inoltre, il rischio di una infezione grave da Covid-19 nei bambini e nelle loro famiglie è basso, e restano preoccupazioni per il long Covid nei bambini e la crescita di varianti più trasmissibili di preoccupazione pone ulteriori sfide per gli ambienti educativi.

La vaccinazione degli adulti, protegge il personale e i membri della famiglia contro il Covid-19 e il conseguente minor tasso di infezione della comunità dovrebbe conferire una protezione indiretta (del branco) che contribuirà a ridurre il rischio di infezione nei bambini, affermano gli autori.

“Ora l’attenzione deve essere rivolta alla valutazione e all’implementazione di mitigazioni basate sull’evidenza per ridurre il rischio di infezione nelle scuole non solo per proteggere gli studenti e il personale ma anche per ridurre al minimo l’interruzione dell’istruzione e l’accesso a servizi aggiuntivi”, concludono gli autori.

di CLAUDIO CASTAGNA

0 visualizzazioni0 commenti