COVID, PROROGATO FINO AL 31 MARZO 2022 LO STATO D’EMERGENZA E TUTTE LE MISURE AD ESSO LEGATE

FIGLIUOLO RICONFERMATO COMMISSARIO STRAORDINARIO PER LA GESTIONE DELLO STATO DI NECESSITÀ


Lo stato d'emergenza è stato prorogato fino al 31 marzo 2022, ed insieme ad esso, vengono prorogate anche tutte le altre misure legate all’emergenza sanitaria, tra cui anche il “Super green pass” in zona bianca,la scadenza per il 15 gennaio in zona bianca è stata prorogata fino al 31 marzo. Il certificato verde dovrà essere usato per le attività che sono oggetto di limitazioni in zona gialla.


Ricordiamo che, il super green pass, preclude ai non vaccinati l’accesso alle attività ludiche.

Nella bozza del decreto legge, è inclusa la possibilità di limitazioni di spostamenti di persone, "su specifiche parti del territorio nazionale ovvero, occorrendo, sulla totalità di esso": ciò significa che può essere disposta la chiusura di parchi, strade piazze eccetera fino ad una chiusura totale, adottando il sistema del lockdown e della quarantena "ai soggetti che hanno avuto contatti a rischio”.


Sono stati prorogati i congedi parentali al 50% fino al 31 marzo 2022, con la possibilità di lavorare da remoto per i lavoratori definiti “fragili”, come previsto dalla bozza del DL covid: "Da adottare entro trenta giorni, sono individuate le patologie croniche con scarso compenso clinico e con particolare connotazione di gravità, in presenza delle quali, fino al 31 marzo 2022, la prestazione lavorativa è normalmente svolta in modalità agile, anche attraverso l'adibizione a diversa mansione, e specifiche attività di formazione professionale sono svolte da remoto".


Al via allo "stoccaggio e la conservazione delle dosi vaccinali per le esigenze nazionali" presso un sito militare.

Vengono inoltre stanziati 6 milioni per il 2022 "per la realizzazione e l'allestimento, da parte del ministero della Difesa, dell'infrastruttura presso un sito militare". L'obiettivo è "assicurare il potenziamento delle infrastrutture strategiche per fronteggiare le esigenze connesse all'epidemia da Covid-19 e garantire una capacità per eventuali emergenze sanitarie future".


Intanto, il generale Figliuolo è stato confermato commissario straordinario all'emergenza Covid e di conseguenza, sono stati prorogati anche i poteri.


Il ministro Daniele Franco in Cdm, conferma lo stanziamento di 3,8 miliardi per far fronte al rincaro delle bollette di luce e gas nel primo trimestre 2022.


Contraria alla proroga dello stato d'emergenza Giorgia Meloni, di Fratelli d’Italia: "Non sono d'accordo se dura più di due anni è un controsenso logico e linguistico. Credo che il governo oggi debba riuscire a combattere l'epidemia ripristinando i diritti. Comincia a crearsi un problema per la democrazia. Gli unici a difendere la Costituzione siamo rimasti noi di FdI".


di VALENTINA ZIN




0 visualizzazioni0 commenti