CREDITI FORMATIVI UNIVERSITARI 24CFU/CFA, COSA SONO E A COSA SERVONO


Si parla tanto dei cosiddetti CFU necessari per poter partecipare ai concorsi nella scuola per intraprendere la carriera di insegnante. Ma vediamo di fare chiarezza in questo argomento e spiegare che cosa sono e a cosa servono. Il D.Lgs. 59/2017 attuativo della Buona Scuola della legge 107/2015 ha stabilito che per accedere al concorso della scuola superiore come docente, oltre a possedere il titolo di studio occorreva possedere 24 CFU/CFA nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

Il decreto ministeriale n. 616 del 10 agosto 2017, ha regolamentato l’acquisizione dei 24 CFU/CFA. In particolare si tratta di due sistemi di crediti riferiti ai due settori dell’istruzione superiore: i crediti formativi universitari (CFU) per le istituzioni universitarie, e i crediti formativi accademici (CFA) per le istituzioni relativi all’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica.

I 24 CFU/CFA, in particolare sono conseguiti da laureati e laureandi in possesso dei requisiti di accesso alle classi di concorso della scuola, secondaria di primo e secondo grado, che intendono diventare insegnanti. Così come ha stabilito dall’OM 60/2020 per poter accedere alla seconda fascia delle GPS (Graduatorie Provinciali Supplenze), è necessario possedere, oltre alla laurea, anche dei CFU/CFA o esami aggiuntivi ed eventuali titoli aggiuntivi previsti dalla normativa vigente per la specifica classe di concorso per la quale si partecipa in base alla laurea.

Coloro che intendono iscriversi al VI ciclo TFA, tra i requisiti per potervi accedere c’è laurea magistrale o a ciclo unico (oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso) più 24 CFU/CFA.

Non sono obbligati, invece, a conseguire i 24 CFU/CFA , gli Insegnanti Tecnico-Pratici, (ITP) per i quali fino al 2024/2025 non è necessario possedere laurea e 24 CFU per partecipare ai concorsi (articolo 22 comma 2 del Dlgs 59/2017).

Dove si possono conseguire i 24 CFU/CFA?

Presso le Università (statali e non statali, incluse le telematiche), le istituzioni AFAM e le Accademie di belle Arti legalmente riconosciute.

I crediti possono essere conseguiti in: forma curricolare, crediti corrispondenti ad attività formative già inserite nel piano di studi; aggiuntiva, crediti corrispondenti ad attività formative svolte in forma aggiuntiva rispetto a quelle previste dal piano di studi; extra curricolare: crediti conseguiti a seguito ad attività formative svolte presso istituzioni universitarie o accademiche al di fuori del corso di studi.

I crediti in forma aggiuntiva o extra curricolare non possono essere conseguiti presso enti esterni al sistema universitario o Afam, anche se in convezione con essi. Al termine del percorso l’istituzione universitaria o accademica certifica il raggiungimento degli obiettivi formativi previsti, le votazioni agli esami ed i CFU acquisiti.

Sono riconosciuti tutti i crediti afferenti ai settori scientifico disciplinari indicati nel Decreto (e negli allegati A, B e C) acquisiti: nel percorso accademico, con esami aggiuntivi, attraverso Master di I e II livello, Dottorato di ricerca o scuole di specializzazione. In tali casi la certificazione è rilasciata dall’università universitaria o accademia che ha attivato il percorso formativo.

Per i laureati magistrali e per i diplomati di II livello che abbiano già conseguiti nel loro percorso formativo i crediti, la certificazione è sostituita da una dichiarazione dell’istituzione universitaria o accademica.

Gli ambiti in cui necessario acquisire i 24 Crediti universitari e/o accademici disciplinati nell’allegato A del DM 616/2017 sono:

Ambito disciplinare Settori scientifico-disciplinari

Pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione M-PED (tutti i settori), CODD/04, ABST/59, ADPP/01. Negli ISIA sono inoltre utili in relazione alle varie classi di concorso interessate: ISME/01, ISME/02, ISDC/05 a patto che sia certificata la loro declinazione nei termini della pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione per gli insegnamenti compresi nelle stesse classi di concorso, in coerenza con gli obiettivi formativi indicati nell’Allegato A al D.M. 66.

Psicologia M-PSI (tutti i settori), CODD/04, ABST/58, ISSU/03, ISME/03, ISDC/01. Per l’Accademia di danza è utile ADPP/01 a patto che sia certificata la sua declinazione nei termini della psicologia per gli insegnamenti compresi nelle stesse classi di concorso, in coerenza con gli obiettivi formativi indicati nell’Allegato A al D.M. 66 e, al tempo stesso, non siano stati considerati utili per l’ambito sopra riportato.

Antropologia M-DEA/01, M-FIL/03, ABST/55. In relazione alle specifiche classi di concorso sono utili: ART/08 CODD/06, ISSU/01, ISSU/02, ADEA/01, ADEA/03, ADEA/04, purché certificati nei termini dell’antropologia per gli insegnamenti compresi nelle stesse classi di concorso, in coerenza con gli obiettivi formativi indicati nell’Allegato A del D.M. 66.

Metodologie e tecnologie didattiche M-PED03, M-PED04. Inoltre, in relazione alle specifiche classi di concorso sono utili: MAT/04, FIS/08, L-LIN/02, M-EDF/02, CODD/04, ABST/59, ADES/01, nonché tutte le attività formative afferenti ai settori indicati negli allegati B e C al D.M., a patto che sia certificata la loro declinazione nei termini delle Metodologie e tecnologie didattiche per gli insegnamenti compresi nelle stesse cla