DONNA RESPINTA AL PRONTO SOCCORSO PERCHÉ SENZA L’ESITO DI UN TAMPONE

Una donna di 25 anni ha abortito dopo essere stata respinta al pronto soccorso, dove si era recata per le sue precarie condizioni di salute. La donna ha fatto un esposto alla procura della Repubblica


Una donna di 25 anni, in stato interessante da cinque settimane, in condizioni di salute precaria, si è recata al pronto soccorso della Clinica ostetrica dell’Aou di Sassari, che l’ ha respinta, pur essendo vaccinata, perché priva dell’ esito di un tampone Covid e di un test in ospedale. La donna dopo qualche ora purtroppo ha abortito.

Il marito della donna vuole andare fino in fondo, non per una questione di interesse economico ma per giustizia.La coppia, infatti, ha presentato un esposto alla procura della Repubblica: "Ciò che mi è successo è inaudito e non deve più accadere. So che ci sono tanti medici e infermieri in gamba, che fanno il loro dovere e sono sotto pressione. Nel mio caso però è mancato un minimo di umanità".



Da quanto riferito, l’ ospedale non aveva a disposizione tamponi, per cui alla donna sarebbe stato detto di ritornare il giorno dopo con l’ esito di un tampone molecolare. Una volta tornata a casa, dopo qualche ora le condizioni di salute della donna sono peggiorate, tanto da avere un aborto spontaneo.


Troppe le conseguenze negative del coronavirus. Questo virus invisibile sta devastando la vita dell’ uomo, colpendo ogni suo aspetto.


di ISABELLA CASTAGNA

0 visualizzazioni0 commenti