ECCO COME SPIEGARE LA GUERRA AI BAMBINI SENZA PROVOCARE TURBAMENTO

Entra in gioco il ruolo fondamentale degli adulti


In un momento tragico come questo che stiamo vivendo, in cui tutti siamo spettatori di scene cruenti e dolorose, in cui anche i bambini sono protagonisti, ci si chiede come si può raccontare e spiegare loro la guerra.


Innanzitutto, nella prima infanzia i bambini non dovrebbero guardare immagini violente, difficili da comprendere, ma dovrebbero apprendere soltanto informazioni che possono comprendere e che non provocano turbamento.


Non va sottovalutato comunque il fatto che i bambini hanno il diritto di sapere ciò che accade intorno a loro, pertanto entra in gioco il ruolo fondamentale degli adulti, che hanno la responsabilità di proteggerli dall’ angoscia e dalla paura. È quindi importante che gli adulti non mostrino in maniera evidente le loro paure, perché i bambini percepiscono profondamente le emozioni degli adulti di riferimento. Il compito degli adulti è quello di rasserenare quanto più possibile i bambini e cercare di spiegare loro ciò che accade, utilizzando un linguaggio adeguato alla loro età e cercando di instillare in loro solo sentimenti positivi, anche nei confronti di chi agisce in maniera errata. La cosa più importante da fare è prestare attenzione ai loro comportamenti, parole e silenzi, cercando, se necessario, di intervenire in maniera tempestiva e significativa.


di ISABELLA CASTAGNA

0 visualizzazioni0 commenti