GLI STUDENTI CON LA MEDIA DEL 9 IN ITALIANO SONO I PIU’ BRAVI CON IL DIGITALE

Lo dimostra una ricerca che ha visto coinvolti 1222 studenti di medie e superiori di tutta Italia.



Da febbraio a giugno è stato somministrato il test dagli insegnanti, da febbraio a giugno 2021, in 68 classi di 34 scuole secondarie italiane, con il progetto “Benessere Digitale – scuole” nato nel 2016 da una collaborazione tra una rete di istituti scolastici con capofila il Liceo Banfi di Vimercate, l’Università degli Studi di Milano-Bicocca e Fastweb Spa.


L’obiettivo del progetto è quello di porre l’accento sulla relazione tra l’uso dei media digitali e il benessere, una relazione che è sfidata dalla attuale situazione di “connessione permanente” in cui tutti noi viviamo, come sottolinea Marco Gui, il coordinatore del centro di ricerca sulla qualità della vita nella società in rete della Bicocca.


I dati dimostrano che la competenza digitale dei ragazzi cresce con il livello scolastico passando da 63 per il grado 8 (scuola media) a 69 per i gradi 9-11 (triennio superiori) e, infine, a 81 per i gradi 12-13 (ultimi due anni delle superiori).


Questi risultati suggeriscono che lo studente medio sa comunicare, condividere risorse e gestire efficacemente i rapporti sociali online ma, al contempo, mostra evidenti lacune nell’ambito delle competenze di ricerca, selezione e valutazione della qualità e affidabilità delle informazioni presenti nel Web.


Nello specifico, i risultati dimostrano anche che le maggiori competenze di comunicazione online sono delle ragazze, che ottengono un punteggio medio significativamente più alto di 3,6 punti rispetto ai loro coetanei in questo specifico ambito di contenuto (87,2 per le femmine contro 83,6 per i maschi) a fronte di punteggi lievemente più bassi, ma non in modo significativo, nelle restanti aree.


Risorse culturali familiari

gli studenti con genitori dotati al massimo di un titolo professionale di durata biennale o triennale hanno fatto registrare punteggi medi più bassi dei figli di diplomati o laureati in ognuna delle aree considerate.


La vera novità è che i dati rivelano un progressivo miglioramento delle performance degli studenti nel test al crescere della media dei voti per la materia di italiano.

Complessivamente, si osserva un aumento di 8,2 punti nella competenza digitale passando dagli studenti a ridosso della sufficienza (punteggio medio 67,6) a quelli con voti compresi fra 9 e 10 (punteggio medio 75,8).


di CARLO VARALLO

0 visualizzazioni0 commenti