IL CASO “FRANGLAIS”: ALLARME LANCIATO DALL’ ACCADEMIA FRANCESE

Il rischio della perdita del francese classico sta mettendo in guardia gli Accademici Francesi


Il fenomeno dell’introduzione delle parole Inglesi nelle nostre lingue parlate si sta divulgando anche a livello istituzionale e rischia di creare delle fratture generazionali, a causa di chi le comprende e chi no.


Parole di uso comune;


  • Smart,

  • Cool,

  • Low cost

  • Delivery

Sono solo alcuni esempi di parole che ormai fanno parte del linguaggio Francese.



Académie française


L’allarme viene lanciato in un report appena emesso dall’Accademia Francese, l’equivalente della nostra Crusca, che ha denominato il fenomeno coniando la parola “Franglais”.


L’autorevole Accademia ha fatto un esempio sulla perdita della sintassi: "l'Université de la Sorbonne" diventa "Sorbonne Université", su modello inglese, e ciò potrebbe comportare divisioni sociali e generazionali nel Paese.


Risvolto legale


Per la Francia non è nuovo questo tipo di dibattito, infatti dal 1994 la legge Toubon punisce l'utilizzo di parole straniere quando esistono parole equivalenti in francese ma, nonostante le numerose segnalazioni, non viene mai sanzionato nessuno.


Il report è uscito in vista delle elezioni Presidenziali previste ad aprile, ha spiegato Michael Edwards a Sky TG24, "Il nostro lavoro di analisi arriva al momento migliore, perché noi vorremmo che i candidati alla Presidenza parlassero della questione linguistica nelle loro campagne elettorali".


“Che insomma facciano una cosa "chic", invece che "cool".


di CARLO VARALLO

1 visualizzazione0 commenti