top of page

INAIL: GESTIONE DEL RISCHIO DEL CALDO NEI LUOGHI DI LAVORO

Vademecum


“Esposizione a temperature estreme ed impatti sulla salute e sicurezza sul lavoro. il progetto worklimate e la piattaforma previsionale di allerta” è questo il titolo del vademecum pubblicato dall'INAIL per prevenire le patologie da calore nei luoghi di lavoro.


Il vademecum inizia con l’elenco delle patologie da calore e fattori che contribuiscono alla loro insorgenza, tra cui troviamo:

  • crampi da calore;

  • dermatite da sudore;

  • squilibri idromilerali;

  • sincope dovuta a calore;

  • stress o esaurimento da caorle;

  • colpo di calore.


Ma quali sono i fattori che contribuiscono all’insorgenza delle patologie da calore?

  • Alta temperatura dell’aria e alti tassi di umidità;

  • Basso consumo di liquidi;

  • Esposizione diretta al sole (senza ombra);

  • Movimento d'aria limitato (assenza di aree ventilate);

  • Attività fisica intensa;

  • Alimentazione non adeguata;

  • Insufficiente periodo di acclimatamento;

  • Uso di indumenti pesanti e dispositivi di protezione;

  • Condizioni di suscettibilità individuale (vedi relativa brochure).


È compito e cura del datore di lavoro - tramite il SPP - l’individuazione delle procedure specifiche per l’attuazione delle misure ivi descritte, nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, e a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri, secondo quanto prescritto dal D.lgs. 81/08.


È fondamentale:

  1. Designare una persona che sovrintenda al piano di sorveglianza per la prevenzione degli effetti dello stress da caldo sulla salute e sulla sicurezza e l’adeguata risposta;

  2. Identificazione dei pericoli e valutazione del rischio:

  3. La formazione;

  4. Strategie di prevenzione e protezioni individuali per i lavoratori come l’idratazione e l’abbigliamento;

  5. Riorganizzazione dei turni di lavoro;

  6. Rendere disponibili e accessibili aree ombreggiate per le pause;

  7. Favorire l’acclimatazione dei lavoratori;

  8. Realizzazione del “sistema del compagno”;

  9. Pianificazione e risposta alle emergenze

  10. Misure specifiche per i luoghi di lavoro in ambienti chiusi.


Consulta il Vademecum


WorKlimate-4
.pdf
Scarica PDF • 2.44MB

di VALENTINA ZIN

1 visualizzazione0 commenti

Comentários


bottom of page