top of page

PNRR E POLITICHE SOCIALI: IL PROGETTO “WELFARE AS A SERVICE” - 24 NOVEMBRE

Ottimizzare la programmazione e gli interventi in ambito welfare, con le amministrazioni locali e centrali


Sarà presentato il 24 novembre, alle 9.30, presso la sala Caravaggio della Fiera di Bergamo, “Welfare as a service”, il progetto innovativo dell’INPS per ottimizzare la programmazione e gli interventi in ambito welfare con le amministrazioni locali e centrali.

Le politiche di Welfare sono attuate in Italia attraverso una pluralità di strumenti destinati a segmenti differenziati di utenza, definiti sia a livello nazionale, sia locale. Per tale motivo, risulta difficile determinare - in modo esaustivo e complementare tra i diversi livelli di erogazione – l’effettiva efficacia delle azioni generate.

Ai fini di una migliore programmazione degli interventi, Inps presenta Il progetto “Welfare As a Service”. Si tratta della realizzazione di una piattaforma IT che possa consentire a INPS, agli Enti locali e alle Amministrazioni centrali della comunità digitale del welfare, la condivisione e l’interoperabilità delle banche dati, sia a livello nazionale sia locale. L’obiettivo è realizzare un sistema (cruscotto) di analisi descrittive e predittive interistituzionali, finalizzato a supportare i processi decisionali e altre applicazioni utili per l’attuazione delle misure di welfare decise sull’intero territorio nazionale.

Al convegno, organizzato sul tema "PNRR e politiche sociali", interverranno Vincenzo Caridi, Direttore Generale INPS; Lara Panfili, Direttore amministrativo ANCI e responsabile del progetto PAS; Gianluigi Raiss, Dirigente area Data governance e analytics INPS; Rocco Lauria, Direttore Organizzazione e comunicazione interna INPS; Alessandro Casile, Dirigente responsabile Comunicazione esterna INPS.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del Welfare Italia Forum, ha inviato al Presidente di Unipol Gruppo S.p.A., Carlo Cimbri, il seguente messaggio:

«Il sistema di welfare è una colonna portante del nostro modello di convivenza e una misura della concreta attuazione dei principi della nostra Costituzione.

Riflettere sui modi in cui, nel contesto dei mutamenti indotti dall’evolvere dei processi produttivi e dall’evoluzione della struttura demografica del Paese, gli obiettivi di coesione possano essere resi sempre più raggiungibili, è opera preziosa.

In questo senso, l’appuntamento del Welfare Italia Forum e la presentazione del rapporto annuale costituiscono un significativo contributo per l’intera nostra società e desidero esprimere apprezzamento agli organizzatori e partecipanti per gli studi, le proposte e le analisi che anche quest’anno offriranno al confronto.

Muta e si amplia la platea dei bisogni delle persone e delle comunità e occorre, dunque, un adeguamento altrettanto veloce delle risposte che lo Stato e lo Stato-comunità mettono a disposizione. Il quadro offerto dal PNRR è una opportunità in questa direzione.

I diritti sociali sono un capitolo determinante nel patto istituzioni-cittadini: sostanzia ed attua la piena appartenenza alla Repubblica.

Le strutture dello Stato sociale, a partire dal Servizio Sanitario Nazionale, ci hanno permesso di affrontare la terribile pandemia e le sue molteplici conseguenze, tutelando la salute della popolazione. L’assetto del sistema previdenziale del Paese è prova permanente dell’attuazione degli articoli costituzionali relativi alla dignità di ogni persona.

Sono, dunque, sfide importanti e l’efficacia del welfare è, altresì, un passaggio rilevante delle politiche di riduzione delle diseguaglianze e di effettiva attuazione dei diritti.

Attivare questi obiettivi significa mettere in campo tutte le energie. La collaborazione tra pubblico, privato e terzo settore è una chiave, nella conferma del carattere universale dei diritti, per potenziare e ammodernare i servizi.

Lo squilibrio demografico che colpisce il Paese e incide sulla sostenibilità presente e futura del modello di welfare, propone, a sua volta, interrogativi.

Servono, dunque, una visione di lungo periodo e uno sforzo congiunto di tutti gli attori sociali che concorrono nel rispondere alla domanda di assistenza, di cura, di prevenzione, di tutela, in un contesto che vede la concreta minaccia di aumento delle povertà e la follia della guerra moltiplicare i fattori di crisi».


di VALENTINA ZIN


2 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page