top of page

PROVE INVALSI SCUOLA PRIMARIA: PREPARARSI PER LA PROVA DI ITALIANO


Ogni anno, a maggio, gli studenti del secondo anno della Scuola primaria sono impegnati nel dimostrare le loro competenze in Italiano e Matematica. Nello stesso mese quelli del quinto anno si mettono invece alla prova anche con l’Ascolto e la Lettura in Inglese.


Ma cosa deve fare uno studente per affrontare al meglio queste Prove?

Per ottenere buoni risultati non esiste una preparazione specifica e non è necessario studiare o allenarsi appositamente per rispondere correttamente alle domande.

Lo scopo delle Prove nazionali infatti è quello di misurare le competenze che lo studente ha acquisito durante il percorso scolastico, non altro.


Come prepararsi?

Per aiutare i bambini e le famiglie a comprendere come funzionano le Prove INVALSI e per farli familiarizzare con i quesiti che troveranno nei fascicoli cartacei, l’Istituto mette a disposizione della scuola una serie di documenti divisi per materia.



La Prova di Italiano della Scuola primaria

La Prova INVALSI di Italiano si articola in due parti: una parte di comprensione della lettura e una di riflessione sulla lingua.


La prova di comprensione della lettura di seconda e di quinta primaria è costituita da uno o più testi con le relative domande.

Solo per gli studenti di seconda inclusi nel campione nazionale, la prova di comprensione è seguita da un test di velocità di lettura, il cui risultato non incide tuttavia sul punteggio.

I testi inclusi nella prova di seconda e di quinta primaria sono scelti prestando attenzione:

  • all’interesse che possono suscitare nei bambini, così da invogliarli a leggere e a mettere in moto quella curiosità che favorisce un atteggiamento attivo nei confronti del testo

  • allo spessore del testo, in modo da poter porre domande che coprano un’ampia gamma di abilità di lettura e tocchino diversi aspetti della comprensione.


Riguardo la riflessione sulla lingua, in seconda primaria non è possibile procedere a una valutazione di conoscenze e competenze grammaticali in senso proprio. Pertanto la prova propone alcuni esercizi che verificano alcuni aspetti del grado di sviluppo linguistico e metalinguistico dell’alunno.


La Prova della classe seconda è in formato cartaceo e dura 45 minuti, più altri 15 minuti di tempo aggiuntivo per allievi disabili o con DSA. La Prova di lettura, svolta solo nelle classi campione, dura due minuti.

In quinta primaria invece la valutazione di conoscenze e competenze grammaticali è svolta mediante esercizi di riflessione sulla lingua che tengono conto dello sviluppo linguistico e cognitivo degli alunni di quella specifica età.


La Prova della classe quinta è in formato cartaceo e dura 75 minuti, più 10 minuti per rispondere ai quesiti del questionario studente. Sono previsti poi ulteriori 15 minuti di tempo aggiuntivo per allievi disabili o con DSA.


di VALENTINA ZIN


3 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page