top of page

SCIOPERO DEL 2 DICEMBRE: DISAGI ANCHE PER I MEZZI DI TRASPORTO


Come anticipato in un precedente articolo, per domani, 2 dicembre 2022, i sindacati Cobas, Unicobas, Cobas Sardegna, Cub, Usb, Sgb, Sicobas, Usi-ct e Adl Varese, hanno indetto uno sciopero generale sugli effetti negativi provocati dal conflitto tra la Russia e l’Ucraina, iniziato nella notte fra il 23 e il 24 febbraio 2022, sotto autorizzazione del Presidente Putin per "smilitarizzare il Paese" e "proteggere il Donbass". Lo sciopero interesserà tutte le categorie dei lavoratori operanti nei settori pubblici e privati, sanità e scuola, trasporti e fabbriche.

Sono molteplici i motivi per cui i sindacati sopra citati hanno proclamato lo sciopero, e tra questi, infatti vi sono:

  • il rinnovo dei contratti e l’aumento dei salari (12 euro l’ora);

  • cancellazione degli aumenti delle tariffe per i servizi e energia;

  • regolamentazione dei prezzi dei beni primari e dei combustibili;

  • incameramento degli extra-ricavi maturati dalle imprese petrolifere, del gas e dei carburanti.

Disagi anche per i mezzi di trasporto pubblici nelle grandi città italiane, i quali Atm, treni, aerei, bus, tram e metropolitane potranno fermarsi per 24 ore già a partire da questa sera e fino a domani, 2 dicembre 2022.



di CLAUDIO CASTAGNA




0 visualizzazioni0 commenti
bottom of page