Valutazione periodi e servizi non coperti da contribuzione


Si possono riscattare i contributi per gli alle casse CPDEL, CPS, CPI e CPUG della Gestione Pubblica, c’è una concreta possibilità di aumentare il proprio montante contributivo con onere a proprio carico.

Possiamo trovare sul sito dell’istituto la procedura per presentare domanda da parte degli interessati, nell’area “prestazioni e servizi”.

la normativa vigente in ambito Casse delle Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps

prevede la possibilità di riscatto dei periodi e dei servizi non coperti da contribuzione.

Possono accedere a tale servizio anche gli eredi in caso di morte del lavoratore dipendente oppure chi in precedenza non ne ha fatto uso anche se non è più in servizio oppure chi ha cessato la dipendenza senza aver raggiunto il diritto alla pensione.

Vediamo nello specifico quali sono i periodi riscattabili relativi al corso di studio universitario che hanno dato luogo al conseguimento di un diploma.


  • diploma di laurea;

  • diploma universitario;

  • diploma di specializzazione;

  • dottorato di ricerca;

  • laurea Triennale;

  • laurea Specialistica;

  • diploma accademico di primo livello;

  • diploma accademico di secondo livello;

  • diploma di specializzazione;

  • diploma accademico di formazione alla ricerca;

  • diploma di perfezionamento.

Come su indicato essendo una procedura onerosa si possono riscattare solo i periodi scelti dalla persona anche se tali titoli di studio non siano necessari per il posto occupato, unica precisazione sono i periodi dei così detti fuori corso che non saranno conteggiati.

Gli stessi non devono risultare contributivi per poter andare in porto il conteggio.

Come spiegato in precedenza, il costo sarà variabile in base alla normativa vigente in materia di calcolo della prestazione ovvero, l’onere del riscatto viene calcolato facendo riferimento all’età dell’interessato, al periodo che si intende riscattare e alle retribuzioni percepite negli ultimi anni di carriera.

Per i periodi che invece ricadono nel sistema contributivo, l’onere è viene calcolato applicando l’aliquota contributiva in vigore alla data di presentazione della domanda di riscatto, cioè come spiega l’Inps, nei 12 mesi meno remoti rispetto alla data della domanda ed è rapportata al periodo oggetto di riscatto.


A cura di Carlo Varallo