ANIEF: SCUOLA, CAOS NELLE NOMINE DEI DOCENTI PRECARI DA GPS

Nuovo incontro fissato per il 13 ottobre 2022


Sul caos supplenze generato dall’algoritmo delle Gps il ministero dell’Istruzione non può più fare finta di nulla. Dopo l’esplosione di problematiche e di errori degli ultimi giorni, l’amministrazione ha deciso di convocare i sindacati due volte in pochi giorni: il 6 ottobre, quando Anief ha presentato la richiesta di introdurre delle urgenti modifiche al sistema organizzativo e informatico, e adesso si apprende di un nuovo incontro, fissato dall’amministrazione per il 13 ottobre. Giovedì prossimo, alle ore 14.30, la convocazione avrà come oggetto proprio una “analisi delle problematiche tecniche relative alla gestione informatizzata delle graduatorie provinciali per le supplenze”.

“È evidente che anche al Ministero c’è preoccupazione per un contesto organizzativo con troppi limiti e che rischia di andare a determinare un ‘balletto’ di cattedre infinito, oltre che un contenzioso senza precedenti – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief -. Il nostro sindacato ha, dal canto suo, presentato richiesta al Ministero dell’Istruzione per accedere al codice sorgente telematico da cui con ogni probabilità deriva il caos-nomine di questo inizio di anno scolastico, con danno non indifferente sulla didattica, a partire dal sostegno che continua a detenere la maggior parte delle nomine annuali. Vi sono troppi docenti con alti punteggi rimasti senza incarico o mandati a centinaia di chilometri da casa. Dobbiamo assolutamente dare loro la possibilità di riparare all’errore del sistema, con correttivi in corsa, anche mettendoli nelle condizioni di presentare domanda con le Mad. In attesa di comprendere come evolverà la situazione, continuiamo a consigliare a coloro che sono stati danneggiati da questa lotteria prendi-posto di presentare apposito ricorsi con Anief”, conclude il suo presidente nazionale.


di CLAUDIO CASTAGNA


0 visualizzazioni0 commenti