CORONAVIRUS: COME SI ORGANIZZERANNO LE REGIONI PER LA QUARTA DOSE?


A seguito del continuo aumento di contagi da Covid19 le regioni si stanno preparando alla riapertura degli hub vaccinali.

EMA ed ECDC hanno raccomandato la somministrazione della quarta dose di vaccino agli over 60 e ai soggetti fragili. Attualmente bisogna però pazientare e restare in attesa del parere dell’AIFA e del Ministero della Salute.

Durante il periodo autunnale, secondo le stime di alcune regioni, con l'aggiornamento dei vaccini dovrebbero aumentare di gran lunga le richieste di somministrazione.


Friuli Venezia Giulia

"Qualora le dimensioni delle adesioni alla campagna vaccinale per la quarta dose fossero elevate, oltre al coinvolgimento della medicina generale, probabilmente riapriremo i centri vaccinali”, ha detto il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi. "Tuttavia fino a quando non conosceremo le caratteristiche precise, come la popolazione interessata e i flussi di consegna delle dosi, possiamo solo ipotizzare le diverse soluzioni possibili. Cose che stiamo già facendo”


Lazio

La regione ha informato di essere pronta a riaprire i centri vaccinali a partire dal mese di ottobre con i nuovi vaccini aggiornati.

Medici di base, farmacie e centri vaccinali di alcuni ospedali si occuperanno delle somministrazioni per over 60 e over 80.


Calabria

Gli hub vaccinali calabresi non hanno mai chiuso i battenti e sono pronti con le somministrazioni vaccinali delle quarte dosi per gli over 60.

Per supportare la categoria dei soggetti fragili la regione ha attuato una Task Force con un programma di vaccinazioni domiciliare.


Basilicata

Nella succitata regione è stata invece predisposta una calendarizzazione ben precisa: ad esempio a Potenza, più precisamente nella tenda del Qatar, sarà possibile vaccinarsi solo il giovedì.


Sicilia

"Noi siamo sempre operativi nell'hub della Fiera del Mediterraneo a Palermo”, sottolinea il commissario emergenza Covid, Renato Costa. Nel Messinese sono presenti punti vaccinali "fuori dagli ospedali appositamente cosi da essere sempre attivi”.


di VALENTINA ZIN


0 visualizzazioni0 commenti