top of page

IERI, 22 FEBBRAIO, APPROVATO IL DECRETO MILLEPROROGHE CON VOTO DI FIDUCIA

198 voti favorevoli, 128 voti contrari e 4 astenuti

Ieri, mercoledì 22 febbraio è stato approvato il decreto milleproroghe con voto di fiducia.


In merito alla scuola vi sono notizie volte al reclutamento di personale docente, direttivo e ispettivo.



Procedure concorso docenti IRC


Entro il 2023 il ministro può emanare due procedure concorsuali per il reclutamento dei docenti di religione cattolica, in modo da coprire il 50% dei posti liberi e vacanti negli anni scolastici 2022/23 e 2023/24, il restante 50% invece è riservato ai docenti partecipanti alla procedura ordinaria.


Concorso dirigenti tecnici


Inoltre, nel decreto è prevista l’ autorizzazione al Ministero dell’ istruzione e del merito di bandire nel 2023 la procedura concorsuale per titoli ed esami, ai fini dell’ assunzione a tempo indeterminato, 59 dirigenti tecnici nel 2024 e 87 nel 2025.


Concorso straordinario bis


Per quanto riguarda il concorso straordinario bis, se non si dovessero effettuare in tempo le nomine dei docenti con contratto a tempo determinato, in modo da dare loro la possibilità di seguire il corso di formazione e prova, le nomine saranno effettuate nell'anno scolastico successivo, in modo da poter svolgere la formazione durante l’ anno ed essere assunti con contratto a tempo indeterminato nell’ anno scolastico 2024/2025.


Concorso dirigenti scolastici 2017


Entro 60 giorni il ministro è autorizzato a emanare un decreto con cui definire le modalità di partecipazione a un corso intensivo di formazione con relativa prova finale. Al corso potranno partecipare i candidati che abbiano sostenuto almeno la prova scritta del concorso bandito nel 2017 e che alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto mille proroghe abbiano:


a) in corso un ricorso entro i termini di legge e abbiano pendente un contenzioso giurisdizionale per mancato superamento della prova scritta del predetto concorso, ovvero abbiano superato la prova scritta e la prova orale dopo essere stati ammessi a seguito di un provvedimento giurisdizionale cautelare, anche se successivamente caducato. Essi potranno partecipare al corso intensivo di formazione dopo aver affrontato e superato, con un punteggio pari ad almeno 6/10, una prova scritta basata su sistemi informatizzati a risposta chiusa.


b) proposto ricorso entro i termini di legge e abbiano pendente un contenzioso giurisdizionale per mancato superamento della prova orale di tale concorso. Essi dovranno invece affrontare e superare con un punteggio pari ad almeno 6/10 una prova orale.


Graduatorie finali

Una volta superato il corso intensivo, i vincitori saranno inseriti in coda alla graduatoria di merito del concorso indetto con DDG 1259/17 n° 194, dalla quale saranno attinti il 40% dei posti liberi e vacanti, mentre il 60 % saranno attribuiti ai vincitori del concorso ordinario.


di ISABELLA CASTAGNA

1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page