top of page

PUBBLICATI I DATI SULL’ INFLAZIONE IPCA AL NETTO DEI PREZZI ENERGETICI

I dati sull’inflazione IPCA sono stati forniti dall’ISTAT


L’Istat con una comunicazione del 7 giugno 2023 fornisce i dati relativi:

  • agli scostamenti tra realizzazione e previsione dell’inflazione misurata dall’indice IPCA al netto della dinamica dei prezzi dei beni energetici importati per gli anni 2019-2022

  • alla previsione dell’indicatore per gli anni 2023-2026.

Si tratta di informazioni particolarmente importanti in quanto essi rappresentano il riferimento per gli incrementi economici del personale delle pubbliche amministrazioni e, quindi, delle risorse da stanziare a carico del bilancio dello Stato e degli enti pubblici per i rinnovi dei contratti nazionali.

Riguardo al primo aspetto segnaliamo innanzitutto che l’IPCA depurata per il 2022 è pari al 6,6% superiore dell’1,9% rispetto alla previsione ISTAT del 7 giugno 2022.

Riguardo al periodo 2023-2026 le previsioni percentuali sono le seguenti


Conseguentemente la previsione di IPCA depurata cumulata per il periodo 2022-2024 (corrispondente al medesimo periodo contrattuale del settore pubblico) sarebbe pari al 16,1%.

L’incremento dell’IPCA al netto degli energetici importati fotografa, peraltro parzialmente, la pesante perdita del potere d'acquisto dei salari di tutti i lavoratori dipendenti e di quelli pubblici in particolare.

È pertanto necessario trovare con urgenza soluzioni che consentano di definire il CCNL 2019-2021 per il Comparto Istruzione e Ricerca e di aprire al più presto la contrattazione per il triennio 2022-24.


di CLAUDIO CASTAGNA


1 visualizzazione0 commenti

Comments


bottom of page