DISPERSIONE SCOLASTICA: FONDI SOLO PER 1/3 DEGLI ISTITUTI SICILIANI

La denuncia di FLC CGIL Sicilia


Solo un terzo delle scuole siciliane ha ricevuto i contributi della prima tranche dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) stanziati dal governo per il contrasto alla dispersione scolastica. E tra queste “non ci sono molti istituti che operano in contesti difficili, dove l’indice di dispersione scolastica è più alto della media nazionale” .

Lo denunciano in una nota congiunta i segretari della FLC regionale e della CGIL Sicilia, Adriano Rizza e Francesco Lucchesi che definiscono “una beffa” quanto accaduto.

Tra le “anomalie” nella distribuzione, il sindacato segnala “la prevalenza delle scuole secondarie rispetto agli istituti comprensivi, l’esclusione totale dei circoli didattici e dei Centri provinciali istruzione adulti (CPIA)”. Rizza e Lucchesi contestano “il criterio adottato per la ripartizione dei fondi, ovvero quello della ‘dispersione implicita’ che prende in considerazione i dati rilevati dall’ Invalsi ( l’istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione) nelle prove di italiano e matematica. Tali indicatori - sottolineano Rizza e Lucchesi - non bastano a definire una mappa delle esigenze reali che hanno le scuole, per affrontare in modo appropriato il fenomeno della dispersione”.

“Ancora una volta - rilevano i segretari di FLC e CGIL - l’esecutivo ha deciso di procedere con decreto, senza alcun confronto con le parti sociali e con le Regioni e senza alcuna informativa alle organizzazioni sindacali”. FLC e CGIL chiedono quindi la rimodulazione della distribuzione delle risorse e stanno mettendo in campo per questo obiettivo varie iniziative a livello nazionale.

“In Sicilia - fanno sapere Rizza e Lucchesi - chiederemo nelle prossime ore incontri a livello territoriale con le prefetture per denunciare quanto sopra, affinché le nostre rivendicazioni vengano trasmesse al governo nazionale”.

di VALENTINA ZIN


0 visualizzazioni0 commenti